Chirurgo estetico
Chirurghi estetici.net
 
Chirurghi plastici estetici
Sono presenti oltre 100 Chirurghi plastici ed estetici

  Home page

  Interventi  Autotrapianto di capelli

Uno dei principali mali comuni a molti uomini, ma non solo,  è la calvizie. La caduta dei capelli è causata da fattori ormonali o genetici e per molti non rimane solamente un problema estetico, ma può intaccare la qualità della vita psicologica di chi ne è colpito.

La perdita dei capelli detta anche alopecia o calvizie è molto più frequente nell’uomo rispetto alla donna, ed ha spesso risvolti psicologici rilevanti.
Le cause della calvizie possono essere varie, e comprendere le cause che hanno portato alla caduta dei capelli è essenziale, anche se non sempre è molto facile.

Possono essere i traumi, le infezioni, le sostanze tossiche, gli stress psichici ma soprattutto gli ormoni maschili (testosterone) insieme ad una componenete genetica (familiarità).
Esiste infatti una calvizie familiare che riconosce caratteri genetici trasmessi dal genitore. Questa tipologia di calvizie, che è certamente la più diffusa, è la calvizie androgenetica.

Nella prevenzione e nella terapia della caduta dei capelli è indispensabile la consulenza di un dermatologo-tricologo, mentre la soluzione chirurgica è l'intervento di trapianto di capelli, per il quale è sempre meglio affidarsi ad uno specialista di questo particolare settore.

VEDI I CHIRURGHI CHE EFFETTUANO IL TRAPIANTO DI CAPELLI



Le nuove tecnologie in materia di trapianto di capelli hanno praticamente annullato l'effetto bambola che si otteneva pochi anni fa, quando con innesti cilindrici di quattro millimetri si trapiantavano una decina di bulbi e i capelli crescevano a ciuffetti.
Oggi, invece, viene utilizzato il metodo F.U.S.S., l'acronimo di Follicular Unit Strip Surgery, che sta per chirurgia delle Unità Follicolari, che permette un risultato finale veramente naturale.

Prima del trapianto, serve una visita specialistica con il chirurgo che sarà in grado di stabilire se sarà possibile effettuare un trapianto semplicemente analizzando la zona calva e misurando la densità e la qualità dei restanti capelli. L'intervento di autotrapianto non è possibile quando la calvizie è in stato avanzato o il rapporto tra la zona donatrice e la zona calva è disuguale.

Quando invece è possibile farlo, il chirurgo effettuerà un prelievo di striscia di cuoio capelluto in anestesia locale, del tutto indolore per il paziente, che consentirà di prelevare qualcosa come tremila bulbi. Successivamente si andranno a preparare dei micro innesti che possono contenere uno o due bulbi, da qui la denominazione mono e bi bulbari. I monobulbari sono indicati per la zona frontale, mentre gli altri sono adatti a rinfoltire la zona calva.
Il trapianto non avviene comunque in una sola seduta, ma ne servono diverse poiché si tratta di un intervento progressivo durante i quali vengono innestati circa 3000 bulbi.

Esiste anche un altro metodo che troviamo indicato con l'acronimo di F.U.E. (Follicular Unit Extraction). Questo tipo di trapianto viene effettuato mediante un microaspiratore monobulbare, che altro non è che un microbisturi di forma circolare che preleva piccole parti di cuoio capelluto con al massimo uno o due bulbi. Questo metodo è utilizzato esclusivamente per rinfoltire le stempiature e non per zone molto ampie, poiché come è logico, vengono utilizzati meno bulbi. Serviranno dunque più innesti e, di conseguenza, più sedute.

Nel caso in cui l'intervento serve per rinfoltire alopecie cicatriziali, cioè un'assenza di capelli per via di traumi come scottature o incidenti stradali, si applicano gli espansori cutanei. E' una pratica complessa e dolorosa per il paziente, a cui viene applicata sotto il cuoio capelluto un piccolo contenitore di plastica che viene riempito con il tempo con soluzione fisiologica. Questa espansione consente di dilatare una parte di cuoio capelluto coperta di capelli che viene poi spostata sulla zona calva.

A parte quest'ultimo caso, il trapianto dei capelli non è doloroso e già il giorno dopo dell'intervento si può fare lo shampoo tranquillamente. Nella zona d'innesto dei bulbi, si formeranno solamente delle piccole crosticine che andranno via da sole entro pochi giorni.

Come gran parte degli interventi estetici, anche questo ha un costo elevato. Non è possibile determinare un prezzo fisso, poiché questo è condizionato fortemente dalla situazione della calvizie e da altri fattori come la durata dell'intervento, il compenso del chirurgo etc. Orientativamente, il costo di una singola seduta si aggira tra i tremila e i settemila euro.





  © 2016 Chirurghi Estetici.net -
Informazioni di chirurgia plastica e di chirurgia estetica