Chirurgo estetico
Chirurghi estetici.net
 
Chirurghi plastici estetici
Sono presenti oltre 100 Chirurghi plastici ed estetici

  Home page

  Interventi  Aumento degli zigomi

Nell’armonia del volto gli zigomi hanno un’importante funzione di sostenere la metà inferiore e di creare uno stacco che rende il viso più marcato ed aggressivo.
L’aumento degli zigomi si può raggiungere con un intervento di chirurgia estetica mediante l’introduzione per via endorale (con incisione al solco gengivale superiore) o palpebrale (incisione 2 mm sotto la linea delle cilia) di impianti biocompatibili permanenti di varie forme e misure.
Se non si vuole ricorrere ad un impianto protesico si può eseguire il riempimento dell’area zigomatica con il grasso prelevato da altra sede corporea (aumento degli zigomi mediante Lipofilling).
Mentre gli impianti protesici non variano nel tempo il loro volume, il grasso introdotto può subire un riassorbimento più o meno elevato.
 

Prescrizioni prima dell'intervento di Aumento degli zigomi
La presenza di processi infettivi cutanei (acne in fase attiva, etc.) è una controindicazione assoluta all’intervento.
 

Tecnica operatoria
L’intervento di aumento degli zigomi si esegue in anestesia locale e su base ambulatoriale.
Il chirurgo estetico pratica un’iniezione di anestetico locale con ago sottile nel punto di fuoriuscita dei nervi infraorbitari.
Nel caso di impianto protesico lo scollamento dei tessuti avviene sotto il periostio creando una tasca delle di poco superiore per dimensioni alla protesi da allocare.
Una medicazione esterna tenuta in sede per 4 giorni evita lo spostamento della protesi.
Se si opta per l'aumento degli zigomi mediante lipofilling, si preleva il grasso dall’addome o dalle cosce con la tecnica di Coleman, lo si centrifuga e quindi lo si inetta a circa 0.5 cm dall’osso zigomatico. Per ambedue le procedure è indicato il trattamento antibiotico peri-operatorio.
Se si introduce la protesi per via endorale, il trattamento antibiotico deve proseguire per 6 giorni.
 

Periodo post-operatorio
Il gonfiore può perdurare per 2-3 giorni, eventuali piccole raccolte di sangue scompaiono in circa 7 giorni. Nelle due settimane successive all’intervento sono da eliminare le esposizioni al sole ed alle lampade abbronzanti.




  © 2016 Chirurghi Estetici.net -
Informazioni di chirurgia plastica e di chirurgia estetica